48° Fotogramma D’Oro SALA FASOLA Multisala Apollo di Messina

POSTER FASOLAIl 48° Fotogramma D’Oro, storica rassegna internazionale cinematografica, promossa dalla F.N.C., si svolgerá dal 25 al 28 maggio presso la SALA FASOLA Multisala Apollo di Messina. Saranno proiettati 67 cortometraggi, ci saranno incontri tematici e approfondimenti su come il cinema possa raccontare il legame con il territorio. Il programma del festival è scaricabile su: http://fotogrammadoro.com/ e l’ingresso é gratuito. Il regista messinese Massimo Coglitore, regista del thriller “The Elevator”, è presidente della Giuria del Fotogramma d’oro e ospite d’onore della rassegna. Sono orgoglioso di essere presidente di giuria di un festival internazionale di corti che è alla sua 48esima edizione e che per la prima volta si terrà nella mia città”, sottolinea Coglitore. Sabato 28 maggio, alle ore 17,30, Coglitore terrà un incontro con il pubblico del festival, coordinato dal giornalista Marco Bonardelli. Coglitore parlerà di “The Elevator” e dell’uscita italiana del film; anticiperà qualcosa sul suo nuovo film, sempre in lingua inglese, “The Straight Path” e di un prossimo progetto dal titolo “Una gelida estate”, che lo verrebbe tornare in Sicilia per girare. Durante l’incontro, saranno proiettati, in anteprima assoluta per la città di Messina, i primi 15/20 minuti del film “The Elevator”. Di recente Massimo Coglitore ha incontrato gli studenti, di otto istituti scolastici, presso la Sala Sinopoli del Teatro Vittorio Emanuele, nel corso del Progetto Scuola della Biblioteca Regionale denominato “Il cinema a Messina e dintorni”. A proposito del cinema messinese e siciliano del passato ha dichiarato: “Quello che è stato non è accaduto per caso, ma fa parte della cultura di noi siciliani. Il cinema racconta delle storie, nasce dalle emozioni e da esse trae la sua forza. Un film è un viaggio, un sogno ad occhi aperti”.

Precedente Villafranca Tirrena, "Concerto di Primavera" per "Castello ... in Aria" Successivo Cerimonia di chiusura corso di Esperanto dello scrittore esperantista Giuseppe Campolo