Piraino – Presentato il progetto “Sportello di informazione e ascolto”.

Domenica 6 Novembre 2016, presso i locali del salone Parrocchiale di Gliaca di Piraino, l’Associazione Piraino 2.0 ha presentato il progetto “Sportello di informazione e ascolto”.
img-20161106-wa0020L’evento ha visto la numerosa partecipazione di tanti Pirainesi i quali hanno accolto con molto entusiasmo l’iniziativa.
Ad aprire i lavori è stato il presidente dell’Associazione, Antonino Serraino Middio, che ha salutato e ringraziato le istituzioni ed in modo particolare il parroco di Gliaca, Padre Antonio Mancuso, per la disponibilità dei locali.
Il primo intervento tecnico è stato quello di Azzurra Petruzzo, psicologa e componente del direttivo della stessa associazione, la quale ha spiegato nel dettaglio le funzioni, gli obiettivi e i destinatari del servizio.
img-20161106-wa0011Poi ha preso la parola la dottoressa Antonella Miragliotta,  funzionario dei Servizi sociali, la quale si è soffermata sulla descrizione del ruolo del servizio sociale in generale ed all’interno dello sportello d’ascolto e informazione, facendo riferimento anche alla propria esperienza professionale.
Infine è intervenuta la dottoressa Noemi Petruzzo,  assistente Sociale, che ha attenzionato l’importanza ed il valore del recupero del contatto nelle relazioni interpersonali, con riferimento alle nuove forme di comunicazione di massa (social network), al fine di prevenire la nascita del disagio sociale.
img-20161106-wa0021A conclusione degli interventi tecnici è stato lasciato uno spazio aperto al confronto e al dibattito, che ha visto un’ampia partecipazione dei presenti, i quali hanno posto quesiti e validi spunti di riflessione.
La Gionata si è conclusa con un piccolo aperitivo offerto da alcuni esercizi commerciali: l’angolo delle delizie,  la capannina e lo Snack bar di Cafarella e Fasolo.

Lo sportello di informazione e ascolto sarà aperto tutti i lunedì, partendo già da oggi 7 novembre, dalle ore 17.00 alle ore 19.00 presso i locali del salone parrocchiale di Gliaca di Piraino.
Per informazioni o chiarimenti i volontari saranno reperibili tutti i giorni ai seguenti contatti:
Azzurra Petruzzo (psicologa) 3888469809
Noemi Petruzzo (assistente sociale) 3208521527
Valentina Pintaudi (pedagogista)
3392091192

Teatro Mandanici, il 15 novembre nuove audizioni per “Un canto mediterraneo”

AL TEATRO “MANDANICI” DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO
IL 15 NOVEMBRE NUOVE AUDIZIONI PER “UN CANTO MEDITERRANEO”

Si selezionano i partecipanti ai laboratori di Mario Incudine e Antonio Vasta

teatro-mandanici-foto-piero-calderone-3-1200x574

 

Barcellona Pozzo di Gotto – Dai bambini agli anziani, musicisti, cantanti, interpreti a tutto tondo. Tanti, tutti bravi, tutti emozionati, tutti concentrati. Decine di artisti si sono presentati alla tre-giorni di audizioni tenute dai maestri Mario Incudine e Antonio Vasta, Anita Vitale (che ha il suo laboratorio a New York), Stefania Patané, Fracesca Incudine, Giorgio Rizzo, Salvo Compagno. A conclusione della tre-giorni, la decisione: le audizioni rimangono aperte, i maestri torneranno a sentire i candidati ai laboratori di Canto, Percussioni e Zampogna a paru giorno 15 novembre, sempre al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto, a partire dalle ore 16.

Si tratta di un’occasione unica. Con i laboratori si intraprende un percorso che porterà alla creazione di uno spettacolo che avrà vita grazie ai partecipanti ai corsi, con l’ambizione di dare voce a questa città. Lo spettacolo-evento “Un canto mediterraneo” andrà in scena per la prima volta al Teatro Mandanici giorno 29 aprile 2017, ma da qui sarà esportato negli altri teatri.

“Questo percorso di formazione e messinscena – ricorda Mario Incudine – rappresenta un vero momento di crescita, artistica ma anche umana, per tutti noi che lo faremo, docenti e allievi. Un percorso di cui siamo tutti straordinariamente orgogliosi”.

Soddisfatto il sindaco Roberto Materia che, nel salutare i partecipanti alle precedenti audizioni, finora tutti selezionati, ha ringraziato i maestri ed il direttore artistico Sergio Maifredi e ha espresso la sua emozione nel “vedere il teatro vivere, non solo nel momento in cui c’è uno spettacolo, ma anche, nel momento più importante della formazione e della scuola. Una grande opportunità, per la prima volta, che viene offerta dall’istituzione ‘Teatro Mandanici’, ai giovani, ai meno giovani ed a tutta la città”.

“Sportello d’Informazione e Ascolto” presso il salone parrocchiale di Gliaca di Piraino.

Domenica 6 novembre alle ore 16 l’Associazione Piraino 2.0 presenta il progetto sociale dal titolo “Sportello d’Informazione e Ascolto” presso il salone parrocchiale di Gliaca di Piraino.
Lo sportello d’ascolto si configura come un servizio di prevenzione, informazione, sostegno e consulenza pensato per rispondere alle più svariate problematiche della cittadinanza e vuole essere uno spazio in cui i diversi utenti (giovani, lavoratori, studenti, docenti, genitori, ecc…) possono locandina_ascoltocondividere i propri vissuti e rileggerli secondo modalità più adeguate.
Considerata la continua crescita delle problematiche socioculturali di cui siamo testimoni in questo determinato periodo storico, la nostra Associazione si propone di offrire questo servizio di consulenza in maniera totalmente gratuita nell’ambito dell’attenzione verso il nostro Comune.
Uno spazio di ascolto e d’informazione, spesso difficile da trovare nella società odierna, è estremamente necessario per la crescita personale: se dedichiamo un po’ del nostro tempo all’ascolto dell’altro, fra le persone si sviluppano la spinta a parlare e una forte esigenza di essere ascoltati senza giudizi.
Il programma prevede un breve saluto del Presidente dell’Associazione Piraino 2.0 Antonio Serraino Middio, i saluti istituzionali del Sindaco Gina Maniaci e degli interventi più tecnici da parte di Azzurra Petruzzo (componente del direttivo dell’Associazione), della dottoressa Antonella Miragliotta (Funzionario Servizi Sociali) e di Noemi Petruzzo (Assistente Sociale e componente della stessa Associazione).
Alla fine dei lavori ci sarà un piccolo rinfresco offerto da “La Capannina”, “L’Angolo delle delizie” e il “Bar Snack” Gelateria e Rosticceria di Cafarella e Fasolo.
L’Associazione Piraino 2.0

2° Concorso Nazionale di Poesia Graziella Campagna “Vittima di Mafia” Risultati e premiazione!!

La Commissione giudicatrice della seconda edizione del premio letterario 2016 alla memoria di Graziella Campagna “Vittima di Mafia”, indetto dall’ARCI di Furnari (ME) con la collaborazione di Ignazio Miraglia, che prevedeva due sezioni, sezione A) Lingua italiana e sezionE B) Vernacolo di tutte le regioni d’Italia, ha reso noti i risultati delle liriche pervenute:

100_1109Sezione A)

Primo premio ex aequo

“Il Vento Parlerà Di Lei” di Sottile Maria – Barcellona P.G. (Messina);

“Sangue Barcellonese” di Foti Antonino – Barcellona P.G. (Messina).

Secondo premio ex aequo

“L’Agendina Dimenticata” di Ficco Laura – Assemini (Cagliari);

“La Capinera Bianca” di Calabrò Salvatore – Barcellona P.G. (Messina).

Terzo premio ex aequo

“Gomitolo” di Ida Procopio – Amantea (Cosenza);

“In Riva Al Mare” di Foti Maria – Terme Vigliatore (Messina).

Premio Della Critica

“Vittima Di Mafia” di Triolo Lucia – Palermo.

Mensioni D’Onore

“La Ballata Della Pace” di Sala Gabriele – Cinisello (Milano);

“La Bicicletta” di Miano Maria – Furnari (Messina);

“La Mia Terra” di Silvestri Giuseppe – Napoli;

“Ricordi” di Biancotto Daniela – Borgo San Dalmazio (Cuneo).

Plausi di Merito

“Come Una Farfalla” di Panasiti Santi – Campogrande – Tripi (Messina);

“Le Pieghe Dell’Anima” di Orlando Antonino – Barcellona P.G. (Messina);

“Il Faro” di Maria Argentina Scardamaglia – Seseglio Cantone Ticino (Svizzera);

“La Coppa Amara Di Un Tempo Rubato”di Maria Argentina Scardamaglia – Seseglio Cantone Ticino (Svizzera);

“La Formica” di Calabrò Salvatore Giuseppe – Barcellona P.G. (Messina);

“Mi Piacerebbe”di Biancotto Daniela – Borgo San Dalmazio (Cuneo);

“Hanno Ucciso La Nostra Anima”di Foti Antonino – Barcellona P.G. (Messina);

“Notte A Kobane” di Dario Pepe – Comiso (Ragusa).

Sezione B)

Primo premio

“A Fimmina Acqua E Sapuni” di De Pasquale Girolamo – Terme Vigliatore (Messina).

Secondo premio ex aequo

“Graziella Campagna” di De Pasquale Girolamo – Terme Vigliatore (Messina);

“ A Janu ‘U Carrabbineri” di Donatello Fazio – Brescia;

Terzo premio

“Ame Casa”di Foti Maria – Terme Vigliatore (Messina).

Premio Della Critica

“Pateme” di Sergio Spena – Napoli.

Mensioni D’Onore

“U Fucularu”di Foti Maria – Terme Vigliatore (Messina);

“A Barca”di Donatello Fazio – Brescia.

Plausi di Merito

“Terra Amara” di Fazio Giuseppe – Milazzo (Messina);

“Diu”di Foti Maria – Terme Vigliatore (Messina);

“Ame Terra” di Leto Dario – Castroreale (Messina).

Questa la composizione della Giuria: Giuseppe Campolo (presidente) – Messina, Annagioia Notarianni – Lamezia Terme (CZ), Enza Lucia Messina – Messina, Alberto Genovese – Barcellona P.G., Saverio Donato – Barcellona P.G., Paolo Pirri – Barcellona P.G., Giovanni Rigoli – Verona.

La cerimonia di premiazione si terrà Sabato 5 Novembre 2016, nel Palazzo Marziani di Furnari (ME) alle ore 18,00.

In occasione della cerimonia di premiazione verranno esposte alcune Opere della Pittrice Aurelia Campolo.

La serata verrà presentata da:

Marianna Gullì

Alessia Calabrò

Ignazio Miraglia

Sant’Angelo di Brolo Cerimonia premiazione I CONCORSI DI SAMIDEANO

100_1092Sant’Angelo di Brolo, il 18 ottobre 2016, nel teatro comunale ” Achille Saitta”, si è tenuta la cerimonia di premiazione del terzo concorso internazionale “Poesia da tutti i cieli”, ideato da Giuseppe Campolo (alias Samideanao) e patrocinato dalla Federazione Esperantista Italiana e dai comuni di Sant’Angelo di Brolo e Librizzi, entrambe Città Esperantiste. Patrocinato anche da numerose altre associazioni, tra cui: “Antonello da Messina”, “Convegni di cultura Maria Cristina di Savoia”, “FIDAPA Capo Peloro”, “Associazione Italiana Maestri cattolici”, “Associazione Mogli Medici Italiani”, “Centro Italiano Femminile”.100_1091

I componenti della Giuria: Giuseppe Campolo – Messina, Renato Corsetti – Londra, Anna Maria Crisafulli Sartori (presidente) – Messina, Amerigo Iannacone – Venafro (Isernia), Ella Imbalzano Amoroso – Messina, Carmel Mallia – Malta, Carlo Minnaja – Padova, Luigia Oberrauch Madella – Parma, Nicolino Rossi – Napoli, Nicola Ruggiero – Torino.

14725531_1323619187657800_4777393189701710337_nPubblichiamo il verdetto della Giuria. Primo premio: “Momento” di Silvana Imbesi – Barcellona Pozzo di Gotto (Messina); secondo premio: “Di questo amore quanto amore”  di Rita Minniti – Cava De’ Tirreni (Salermo); terzo premio ex aequo: “Alzheimer” di  Maricla Di Dio Morgano – Calascibetta (Enna) e “Patriarchi di memoria” di  Francesco Palermo – Torchiarolo (Brindisi); premio della Fei per la migliore poesia in Esperanto: “Fajrego” (Incendio) di Cyril Vergnaud – Pingtung City (Taiwan); premio speciale per la poesia in dialetto abruzzese: “’Nu rendiconte” di Gabriella Belli – Pescara; premio speciale per la poesia in dialetto siciliano: “U mari? Cu’ l’appi a viriri mai u mari?” di Francesco Billeci –  Palermo; premio speciale della Giuria: “Ultima sigaretta” di Giuseppe Napolitano – Formia (Latina); premio speciale Edizioni Eva: “Fiori di Bodrum” di Umberto Vicaretti – Roma; menzioni speciali di merito: “Io ti vivrò” di Mariangela Costantino – Reggio Calabria e “Occhi chiusi” di Carla Piccolo – Modena.

100_1100La casa editrice EVA ha pubblicato in antologia le poesie premiate e quelle finaliste.

Al punto clou della serata è stata annunciata la costituzione di “Siciliana Esperantista” – Federazione. Giuseppe Campolo, durante il suo nutrito intervento, ha fatto discendere dalle problematicità del nostro tempo la necessità urgente di una collaborazione universale cui l’Esperanto può sostanzialmente contribuire. Sicilia Esperantista sposa in modo “intrigante”, come dice Anna Maria Crisafulli Sartori, la Sicilia e l’Esperanto con la sua intrinseca tensione verso un mondo pacifico. L’Associazione ha caratteristiche innovative democraticamente avanzate e ben congegnate.

14681716_1323618807657838_7459902071188599823_nAnnualmente Sicilia Esperantista conferisce il titolo onorifico denominato “Cavaliere di Sicilia” a persone che si sono distinte, in qualunque luogo, per il loro impegno filantropico, di cui si ha notizia attraverso attendibile fonte e soprattutto sulla base delle informazioni che la piattaforma menzionata fornirà; mentre alle Istituzioni viene riservato il titolo di “Stella di Sicilia”.

Quest’anno sono state consegnate le pergamene: di “Cavaliere di Sicilia” ad Amerigo Iannacone; di “Stella di Sicilia” al Comune di Sant’Angelo di Brolo, nelle mani del suo sindaco Francesco Paolo Cortolillo; di ” Stella di Sicilia” alla Federazione Esperantista Italiana, nelle mani del suo rappresentante Amerigo Iannacone.

100_1096I testi degli interventi e lo statuto innovativo della nuova associazione si possono ricevere gratuitamente facendone richiesta a [email protected]

La cerimonia di premiazione è stata presentata da Marianna Gullì e da Ignazio Miraglia che, con il loro garbo e la loro professionalità, hanno reso la serata gradevole per tutti i convenuti, la scenografia del teatro Achille Saitta è stata realizzata dalla scenografa Marianna Gulli. Hanno letto le poesie Marianna Gullì, Ignazio Miraglia, Amerigo Iannacone, Giuseppe Campolo e alcuni autori, tra cui la vincitrice.

La Sicilia ai Premi della Critica dell’ANCT

2016-10-05_090341IL DRAMMATURGO ROSARIO PALAZZOLO DI PALERMO
E
L’ARTISTA-REGISTA FABRIZIO CRISAFULLI ORIGINARIO DI CATANIA
TRA I PREMIATI DELL’EDIZIONE 2016 DELL’ANCT

AL “CASO SICILIA” DEDICATA ANCHE LA TAVOLA ROTONDA

La cerimonia sabato 8 ottobre al Teatro “Mandanici” di Barcellona Pozzo di Gotto
con la partecipazione del Sindaco Roberto Materia e del Direttore Sergio Maifredi

Barcellona Pozzo di Gotto – Sabato 8 ottobre al Teatro “Mandanici” di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) appuntamento con gli annuali Premi della Critica, assegnati dall’ANCT (Associazione Nazionale Critici di Teatro). A rappresentare il “Mandanici” saranno il Sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia e il Direttore artistico Sergio Maifredi.

Il drammaturgo Rosario Palazzolo di Palermo è uno dei premiati ANCT mentre al regista teatrale e artista visivo Fabrizio Crisafulli, originario di Catania, va il Premio ANCT – Catarsi – Teatri delle diversità.

Palazzolo, scrittore, attore e regista teatrale nato a Palermo nel 1972, ha fondato e diretto sino al 2011 la Compagnia del Tratto, nel 2013 ha dato vita a Teatrino Controverso. Nel 2006 ha vinto con un suo racconto il prestigioso premio di narrativa breve Lama e Trama. Con il testo teatrale “I tempi stanno per cambiare”, scritto a quattro mani con Luigi Bernardi, ha vinto nel 2007 il premio della giuria Oltreparola (anche Premio Vigata alle attrici). Con “’A Cirimonia” , secondo tassello della “Trilugia dell’impossibilità” che, partendo dalla concretezza della cultura siciliana, scandaglia l’universalità delle relazioni umane, ha vinto il Fringe al Festival internazionale del Teatro di Lugano e ottenuto una Menzione speciale al premio In-box nel 2010. Invitato a più riprese dalle università di Liverpool, Manchester e Capodistria, recentemente gli è stata dedicata una tesi di laurea (Possibilità Vs Impossibilità: la drammaturgia di Rosario Palazzolo).

Crisafulli (Catania, 1948) è un artista italiano, esponente del teatro italiano di ricerca. Dirige la compagnia Il Pudore Bene in Vista, da lui formata nel 1991, che ha sede operativa a Roma. Aspetti peculiari del suo lavoro sono l’uso della luce come soggetto autonomo di costruzione poetica, e – oltre alla produzione per il palcoscenico – il “Teatro dei luoghi”: assunzione del luogo come “testo” e matrice dell’opera. Il progetto “Teatro dei luoghi” è stato segnalato per il Premio Ubu nel 1998. Le installazioni di Crisafulli, come molti dei suoi lavori teatrali site-specific, seguono il criterio del teatro dei luoghi: utilizzando la luce come suo strumento principale, l’artista si relaziona ai luoghi mettendo in gioco forme, memorie, identità (sue installazioni, tra l’altro, a Napoli, Roma, Londra, Belgrado, Praga, Glasgow, Klagenfurt, Copenaghen). Tra i premi e le onoreficenze ricevute da Crisafulli: nel 1995, l’English National Opera “Stephen Arlen” Award, Londra; nel 1996, il “Live!” Silver Award, Londra; nel 2001 l’”Outstanding Merit for Theatre Research”, International Festival for Experimental Theater, Il Cairo; nel 2004, lo IED Award, Belgrado; nel 2015 la Laurea Honoris Causa della Roskilde Universitet (Danimarca).

Alla Sicilia è inoltre dedicata la tavola rotonda organizzata dall’ANCT in occasione dei Premi della Critica. Su Il sistema teatrale in Italia, il caso Sicilia” si confronteranno, alle ore 16:30 di sabato 8 ottobre nel foyer del Teatro “Mandanici” i rappresentanti delle istituzioni e delle realtà teatrali più significative dell’Isola. Dopo l’introduzione ai lavori a cura del Sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia e del Direttore artistico Sergio Maifredi, parteciperanno alla tavola rotonda Roberto Alajmo, Direttore del Teatro Biondo di Palermo, l’attore e regista Vincenzo Pirrotta, Claudio Collovà,

regista e Direttore artistico delle “Orestiadi di Gibellina”, Luca Mazzone, Direttore artistico del Teatro Libero di Palermo, Gigi Spedale, Presidente di “Latitudini” Rete siciliana per la drammaturgia contemporanea, Giovanni Anfuso, Consulente artistico del Teatro Stabile di Catania, Salvatore Zinna, Responsabile per la Sicilia della Rete C.Re.S.Co, Carmelo Altomonte, Consigliere d’Amministrazione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, coordinati da Filippa Ilardo (Responsabile regionale dell’Associazione Critici). Modererà il dibattito Giulio Baffi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro. All’ordine del giorno le questioni più importanti e urgenti della situazione del teatro in Sicilia; si affronteranno i problemi dei Teatri Stabili, il grande tema dei circuiti teatrali regionali, la straordinaria novità rappresentata dai teatri di provincia, l’occasione offerta dalle residenze, la necessità di un teatro di innovazione e non di conservazione, la ricerca di un nuovo pubblico. Tutti temi su cui il teatro contemporaneo gioca la sua scommessa per il futuro.

Seguirà alle ore 21 la Cerimonia di premiazione. Oltre a Rosario Palazzolo e Fabrizio Crisafulli, premiati Antonio Calbi, direttore del Teatro di Roma, il premio “per il complesso dei progetti presentati nella stagione appena trascorsa che hanno prodotto un significativo incremento di pubblico”, Editoria & Spettacolo per la sua coraggiosa attività di promozione del teatro in campo editoriale, il gruppo veneto Anagoor per la sua “innovativa ricerca teatrale”, CollettivO CineticO per il teatro-danza, l’attrice Orietta Notari per le sue interpretazioni in “Ivanov” di Cechov con la regia di Filippo Dini e “Gyula – Una piccola storia d’amore” di Fulvio Pepe, il giovane attore Angelo Di Genio, protagonista di “Geppetto & Geppetto” di Tindaro Granata, Michele Sinisi, attore e regista di “Miseria e nobiltà”. Premiati anche due spettacoli che hanno segnato la stagione scorsa, la “Fedra” con la regia di Andrea De Rosa , e “Santa Estasi”, kolossal sugli Atridi ideato e diretto da Antonio Latella. A questi riconsocimenti va aggiunto il Premio Anct – Hystrio all’attore e regista Oscar De Summa. A Isa Danieli il premio “Paolo Emilio Poesio”, una sorta di riconoscimento alla carriera.

Tavola rotonda e cerimonia di premiazione sono entrambe a ingresso libero. Anzi, come hanno sottolineato il Sindaco Materia e il Direttore Maifredi, “l’invito a partecipare è il più ampio possibile. A questo vero e proprio evento in esclusiva nazionale sono invitati tutti i cittadini interessati”.

Biografie

Rosario Palazzolo (Palermo, 1972) è scrittore, attore e regista teatrale. Nel 2003 si laurea in Filosofia con una tesi in Storia del Teatro. Dal 2002 al 2004, partecipa a diversi laboratori di Scrittura, prima con Beatrice Monroy, poi con Luigi Bernardi. Nel 2002 fonda la Compagnia del Tratto, che dirige fino al 2011. Nel 2013 dà vita a Teatrino Controverso, con il quale produce gli spettacoli Letizia forever e Portobello never dies, e inoltre gli studi Del Disincanto (2012), Tauromachia (2013), Catechesi sulla sofferenza (2014), Poetica del fallimento (2015), Teorema dell’otto a tre pance (2016). Per la narrativa, pubblica il suo primo racconto (È tutto chiaro) con la casa editrice Della Battaglia, inserito nella raccolta Altre scomparse di Patò, a cura di Luigi Bernardi. Nel 2006 vince il prestigioso premio di narrativa breve Lama e Trama con il racconto a N.. Ha pubblicato tre romanzi: L’Ammazzatore (Perdisa Pop, 2007), Concetto al buio (Perdisa Pop, 2010), Cattiverìa (Perdisa Pop, 2013). Suoi testi sono presenti in antologie, raccolte, riviste letterarie. Il suo debutto nella scrittura teatrale avviene con Uomor, nel 2005, un recital a tre voci che ripercorre la storia del teatro umoristico europeo. “Ciò che accadde all’improvviso” è comunque la sua prima opera di prosa. Scritta sul finire del 2005, debutta nel 2006. Sempre nel 2006, scrive e dirige il monologo “Il fatto sta”. Nel 2007 debutta “I tempi stanno per cambiare” (premio della giuria Oltreparola e Premio Vigata alle attrici), testo scritto a quattro mani con Luigi Bernardi. Ancora nel 2007, scrive Ouminicch’, spettacolo prodotto dalla Compagnia del Tratto, in collaborazione con Palermo Teatro Festival. A fine 2008 scrive ‘A Cirimonia , secondo tassello della “Trilugia dell’impossibilità” (dopo Ouminicch’ ), una “Trilugia” che, partendo dalla concretezza della cultura siciliana, scandaglia 

‘universalità delle relazioni umane. Lo spettacolo vince il Fringe al Festival internazionale del Teatro di Lugano e ottiene una Menzione speciale al premio In-box nel 2010. Nel 2011 debutta al Crt di Milano il quarto atto della Trilugia, Manichìni. Dei suoi testi andati in scena è stato regista e – in qualche caso – interprete. Nel 2012 Guglielmo Ferro mette in scena una versione teatrale del suo romanzo Concetto al buio. Nel 2015 Giuseppe Massa adatta per il teatro il suo romanzo L’ammazzatore. Invitato a più riprese dalle università di Liverpool, Manchester e Capodistria, recentemente gli è stata dedicata una tesi di laurea (Possibilità Vs. Impossibilità: la drammaturgia di Rosario Palazzolo).

Fabrizio Crisafulli (Catania, 1948) è un artista e regista teatrale italiano, esponente del teatro italiano di ricerca. Dirige la compagnia Il Pudore Bene in Vista, da lui formata nel 1991, che ha sede operativa a Roma. Aspetti peculiari del suo lavoro sono l’uso della luce come soggetto autonomo di costruzione poetica, e – oltre alla produzione per il palcoscenico – il “Teatro dei luoghi”: assunzione del luogo come “testo” e matrice dell’opera. Tra gli spettacoli per il palcoscenico si ricordano il ciclo dedicato al mondo poetico di Ingeborg Bachmann (Acuta di conoscenza, amara di nostalgia, In cerca di frasi vere, Accessibile agli uomini, tutti del 1993, realizzati in collaborazione con Daria Deflorian); il “progetto Giappone”, ciclo dedicato a Yasunari Kawabata, Yukio Mishima, Junichiro Tanizaki (Sonni e Le addormentate, entrambi del 1995, Centro e ali, del 1996, e Shō. La bellezza finale, del 1998, quest’ultimo realizzato in collaborazione con l’attrice-coreografa Giovanna Summo e l’attore-poeta Marcello Sambati); Folgore lenta, dedicato all’artista francese Yves Klen (1997) una Giovanna d’Arco (Jeannette, 2002) su frammenti del testo poetico di Maria Luisa Spaziani; “Senti” (2003), riflessione sui sensi e la percezione, quasi uno spettacolo-manifesto di un metodo teatrale basato sul sentire reale in scena, ovvero sull’essere di persone e cose. Tra gli ultimi spettacoli, Die Schlafenden (2013), realizzato in residenza alla Tonhof di Maria Saal, storico luogo delle avanguardie letterarie, artistiche e teatrali austriache.

Tra le realizzazioni di “teatro dei luoghi” si ricordano, in Italia: Anfibio, presso il porto di Tricase nel Salento (2003); Numina, presso la necropoli etrusca della Banditaccia a Cerveteri (2000); Il Bianco, percorso attraverso gli antichi laboratori di alabastro a Volterra (1998); Spirito dei luoghi, progetto triennale nei luoghi archeologici di Formia, (1996-98); all’estero: High Vaultage (1995), nella struttura vittoriana del Turnhalle Building di Londra; Erosione (2007), in un grande sotterraneo usato come rifugio antiaereo nell’ultima guerra, a Klagenfurt; Dämmli Stück,in un canale d’acqua nei pressi del lago di Zurigo (2010); Lysfest, Roskilde, Danimarca (2013, 2015, 2016)

Le installazioni di Crisafulli, come molti dei suoi lavori teatrali, seguono il criterio del teatro dei luoghi: utilizzando la luce come suo strumento principale, l’artista si relaziona a luoghi, corpi architettonici, allo spazio fisico e antropologico dei contesti in cui interviene, mettendo in gioco forme, memorie, identità. Si ricordano Azione Marittima (2007), doppia videoperformance “incastonata” sulle due torrette della Stazione Marittima di Napoli; la “foresta” di 600 mq (Forest, 2005), realizzata al Museo della Rivoluzione di Belgrado; Il tavolo semovente e “parlante” della Quadriennale di Praga del 2011; le spettacolari installazioni realizzate a Ponte Milvio e a Ponte S. Angelo a Roma per la prima Notte Bianca (Et molto meravigliosi da vedere, 2003) o quelle realizzate, sempre a Roma, sulla Tor de’ Conti dei Fori Imperiali (Il danzatore non pensava, 2001), presso l’acquedotto Felice (Bandoni, 1995), al Museo delle Mura a Porta S. Sebastiano (Porte di luce, 2008).

Tra i premi e le onoreficenze ricevute da Crisafulli, nel 1995, l’English National Opera “Stephen Arlen” Award, Londra, nel 1996 il “Live!” Silver Award, Londra, nel 2001 l’”Outstanding Merit for Theatre Research”, International Festival for Experimental Theater, Il Cairo, nel 2004, lo IED Award, Belgrado e nel 2015 la Laurea Honoris Causa della Roskilde Universitet, (Danimarca).

USD PATTESE-BOCA La stagione calcistica 2016\17 entra nel vivo!!

pattese - boca promo campionati fumetto2La stagione calcistica 2016\17 entra nel vivo!!
I ragazzi della scuola calcio USD PATTESE-BOCA potranno confrontarsi in tutte le categorie!!
Gli allenamenti si svolgeranno per i giovani di Barcellona e dintorni a Barcellona Pozzo di Gotto. Per i ragazzi di Patti e dintorni, al Gepy Faranda, campo in erba naturale, e presso il centro sportivo la Playa, campetto in sintetico.
Info Giusi Castanotto 3408567245 – Nino Bonanno 3927359633!!

segui la tua squadra del cuore sulla FanPage  Usd Pattese – BOCA

2° Concorso Nazionale di Poesia – Graziella Campagna “vittima di mafia”

nella foto: Ignazio Miraglia, Maria Foti (vincitrice del 1° Premio) e Pietro CampagnaL’Associazione ARCI SENZA CONFINI Furnari (ME) indice il 2° CONCORSO NAZIONALE DI POESIA:

Graziella Campagna “vittima di mafia” –

Art. 1. Il concorso è aperto a tutti; per i minorenni è richiesta l’autorizzazione da parte dei genitori.

Art. 2. Il concorso è articolato in due sezioni: 

  • Sezione A

“Poesie in lingua, a tema libero”.

Ogni partecipante potrà presentare fino ad un massimo di tre componimenti poetici; e gli stessi potranno essere sia editi che inediti, ma non dovranno superare i 50 versi; dovranno essere redatti su foglio formato A4 in sei copie, delle quali una soltanto in busta chiusa, riportante all’esterno della stessa la sezione a cui si intende partecipare. La copia in busta chiusa dovrà essere firmata, completa di indirizzo, recapito telefonico (anche del cellulare), eventuale e-mail, contenente la dichiarazione seguente:

“Dichiaro sotto la mia responsabilità che la presente opera è frutto esclusivo del mio pensiero poetico”.

  • Sezione B

“Poesie in vernacolo siciliano ed in vernacolo di tutte le regioni d’Italia”.

E’ necessario corredare i componimenti dalla relativa traduzione.

Ogni partecipante potrà presentare fino ad un massimo di tre opere, siano esse edite o inedite, ma non dovranno superare i 50 versi.

Siano redatte in formato A4, in sei copie. Una di queste va inserita in busta chiusa, dopo averla firmata e completata di indirizzo, recapito telefonico (anche del cellulare), eventuale e-mail, e della seguente dicitura: “Dichiaro sotto la mia responsabilità che la presente opera è frutto esclusivo del mio pensiero poetico”. Sull’esterno della busta va indicata la sezione a cui si intende partecipare.

Art.3. Ogni concorrente può partecipare ad una o più sezioni.

E’ prevista una quota di partecipazione di Euro 10,00 (dieci euro) per ciascuna sezione, che potrà essere inviata in contanti per corrispondenza, o consegnata a  mano  presso la Segreteria della stessa Associazione, all’indirizzo sotto citato nell’art. 13 del presente regolamento, oppure potrà essere versata sul conto corrente postale   94805991   IBAN  IT21F076011650000009485991.

Qualora venisse preferita quest’ultima possibilità di versamento, la domanda dovrà essere accompagnata dagli estremi dell’avvenuto bonifico di 10,00 (dieci) euro. Tale contributo servirà a coprire in modo parziale le spese che si renderanno necessarie per espletare l’organizzazione della manifestazione. 

Art. 4. Ogni concorrente nel momento stesso in cui spedisce e/o consegna le poesie, autorizza l’Associazione Arci Senza Confini di Furnari  (ME) al trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Codice in materia di protezione degli stessi dati personali, D.lgs. 30 giugno 2003 n° 196/2003 ad utilizzarli per la produzione di materiale informativo culturale e finalizzato unicamente alla corretta esecuzione dei compiti connessi allo svolgimento del Secondo Concorso Nazionale Di Poesia.

Art. 5. L’associazione Arci Senza Confini di Furnari (ME) non è responsabile di eventuali smarrimenti o disguidi postali degli stessi elaborati. 

Art. 6. La Giuria esaminatrice di ognuna delle due sezioni del concorso sarà composta da personalità del mondo dell’arte e della cultura. I loro nomi saranno resi noti soltanto  al momento della premiazione. 

Art. 7. Il giudizio delle Giurie è inappellabile ed insindacabile. 

Art. 8. Al vincitore di ogni sezione verrà assegnata una Targa con inciso “II° Concorso Nazionale di Poesia alla memoria di Graziella Campagna” ed anche una pergamena, con la motivazione e la firma del presidente e dei componenti della giuria.

Ai secondi e ai terzi di ogni sezione verrà assegnata una targa con la citazione sopra riportata, più una pergamena. 

Art. 9. Saranno conferiti premi speciali ai segnalati per opere di spiccata sensibilità, mentre ai partecipanti meritevoli verrà attribuita una “Menzione d’Onore”.  A tutti i partecipanti verranno consegnati dei diplomi di partecipazione. 

Art.10. I vincitori delle due sezioni del concorso, dopo la proclamazione, potranno declamare le loro opere, o scegliere di lasciarle all’interpretazione dei lettori ufficiali; e questo per creare magici momenti di emozioni da offrire ai presenti. 

Art. 11. Il Direttivo Organizzatore dell’Associazione Arci Senza Confini (ME) si riserva a suo insindacabile giudizio, qualora fosse necessario, a salvaguardia e per la riuscita dello stesso concorso, la facoltà di modificare il presente regolamento. 

Art. 12. I lavori dovranno pervenire tramite posta raccomandata o prioritaria, e farà fede il timbro postale; oppure dovranno essere consegnati presso la stessa Associazione Arci Senza Confini di Furnari (ME) sita in Via Nuova Messina, 31, entro e non oltre il 25/08/2016. I premiati dovranno essere presenti al ritiro del premio. L’eventuale spedizione a chi non sarà presente dovrà avvenire a suo carico. 

Art. 13. La partecipazione al concorso implica la conoscenza e l’accettazione del presente regolamento.

 

Art. 14. Per qualsiasi controversia, anche in deroga al altro criterio legislativo previsto, sarà competente il Foro di Barcellona Pozzo Di Gotto.

  • Si pregano cortesemente i partecipanti di non aspettare l’approssimarsi della scadenza della manifestazione, ma se possibile di anticipare (o consegnare) l’invio delle opere, per agevolare il lavoro della segreteria e dei giurati.
  • La manifestazione conclusiva, con le relative premiazioni, si svolgerà nel mese di settembre, la data e il luogo (location) della stessa manifestazione verrà comunicato e pubblicizzato in tempo utile in un secondo momento, attraverso organi di stampa, siti web, televisioni.
  • Il presente bando può essere ritirato presso la Segreteria dell’Associazione Arci Senza Confini di Furnari (ME) o scaricato dal sito www.arcisenzaconfini.blogspot.it
  • Per ogni eventuale comunicazione e/o chiarimenti, relativi alle modalità di partecipazione al suddetto concorso, rivolgersi al Signor Miraglia Ignazio Paolo ai seguenti recapiti:

                  E-mail:    [email protected]

Tel:          339 73 86 148

scheda di adesione al Concorso

Villafranca Tirrena, “Concerto di Primavera” per “Castello … in Aria”

concerti-al-castello-primavera-2016Villafranca Tirrena (ME) – Al Castello di Bauso di Villafranca Tirrena domenica 22 maggio alle ore 19 il “Concerto di Primavera” delll’Orchestra del teatro Vittorio Emanuele di Messina, diretta dal maestro Giuseppe Paratore, solisti Giampiero Cannata (corno), Giovanni Petralia (fagotto), Ilenia Giorgianni (flauto), Giuseppe Ruggeri (tromba) e Fabio Costantino (clarinetto). In programma arie di Mozart, Vivaldi, Bach, Hummel, Baermann, Rossini e Mascagni.

Il concerto, a ingresso libero, si realizza nell’ambito di “Castello in … Aria”, progetto biennale di iniziative culturali e di spettacolo finalizzato alla valorizzazione del Castello di Bauso di Villafranca Tirrena, cofinanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù, realizzato dal Centro Sperimentale di Didattica e Divulgazione Musicale Progetto Suono di Messina in partenariato con il Comune di Villafranca Tirrena e la Pro-Loco di Villafranca Tirrena. L’utilizzo del Castello di Bauso è stato concesso dalla Soprintendenza Beni Culturali di Messina su mandato dell’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Iria Cogliani
iTAM Comunicazione
+ 39 3298346593