TUTTI I DETTAGLI – BARCELLONA, DIVIETO DI DIMORA PER IL SINDACO. ARRESTATO L’EX ASSESSORE COPPOLINO. OBBLIGO DI DIMORA A SANTA TERESA PER SANTI ALLIGO: Misure cautelari a carico di amministratori del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto

In carcere da stamattina l’ex assessore allo Sport di Barcellona Pozzo di Gotto, Angelo Coppolino, e altre sette persone tra amministratori e funzionari del Comune sottoposte a misure cautelari per concussione, abusivismo e falso. L’indagine ha avuto inizio nel 2016, dopo una segnalazione anonima sui lavori di ristrutturazione di un B&B e del ristorante di fronte. Entrambi riconducibili all’ex assessore, costretto a dimettersi dopo che furono rese note le indagini a suo carico e il sequestro dei due locali. “A Coppolino va l’apprezzamento per il senso delle istituzioni dimostrato e per l’attività svolta come assessore, con passione e spirito di servizio”, aveva accolto così le dimissioni del suo assessore, il sindaco Roberto Materia.

L’indagine, già nota nel 2016, riguarda lavori completamente abusivi in pieno centro storico proprio alle spalle del Palazzo comunale, realizzati grazie alle coperture dell’ufficio tecnico, dell’ufficio abusivismo e sanatorie. Questo è quanto è emerso dalle indagini della polizia di Barcellona, coordinate dal pm Matteo De Micheli. Dall’alba di stamattina l’esecuzione delle misure. Continua a leggere

Messina, parla il superteste: “Così distribuivo pacchi della spesa per fare eleggere Francantonio Genovese”

Giuseppe Pernicone, che ha patteggiato una condanna nell’inchiesta che riguarda il parlamentare forzista, rende dichiarazioni spontanee. Accuse anche al cognato, Franco Rinaldi, che si candiderà alle Politiche

“Pacchi della spesa per le campagna elettorale del 2012 e del 2013 per conto di Francantonio GenoveseFranco Rinaldi e Paolo David“. Lo ha detto oggi fornendo dichiarazioni spontanee Giuseppe Pernicone, già condannato assieme al padre, con patteggiamento, per associazione finalizzata alla corruzione elettorale e al voto di scambio in concorso in compagnia – tra gli altri – di Paolo David, Francantonio Genovese e Franco Rinaldi. Rinaldi è dato per candidato certo nelle liste di Forza Italia, mentre Genovese è in procinto di ritirarsi dalla politica: a novembre, però, suo figlio Luigi è stato eletto all’Ars. Continua a leggere

OPERAZIONE GOTHA 7: IL PIZZO SU UNA MEGA VINCITA ALLA SLOT MACHINE. L’AVVERTIMENTO: DUE BOTTIGLIE INCENDIARIE CON CARTUCCE DA FUCILE

Barcellona – Ogni occasione era buona per imporre il “pizzo”. Persino una vincita di 500 mila euro realizzata il 16 settembre del 2011 ad una “slot machine” installata nel punto “Snai di via Del Mare di Barcellona da due giovani del luogo, fatto riportato anche dai giornali e televisioni perché i vincitori per l’eccessivo entusiasmo non hanno saputo tenere riservata la vittoria, è stata “tassata” dal gruppo mafioso che con le estorsioni spaziava da un settore merceologico all’altro. I due giovani vincitori, Giuseppe Bonina e Salvatore Cutropia premiati dalla “slot machine” con la vincita record di ben 500 mila euro

Continua a leggere

“SOGNO E SON DESTO”, IL GRANDE SUCCESSO DI MASSIMO RANIERI A GENNAIO AL TEATRO MANDANICI

È lo spettacolo che ha conquistato il sold out più velocemente, vero e proprio “fiore all’occhiello” dell’intera Stagione artistica. Quello che ha registrato commoventi e divertenti “sipari” al botteghino, con nonne accompagnate da nipotine a far la fila per non perdere il posto migliore, chiacchiere in coda tra appassionati della prima ora e fan recenti, ragionamenti sfiancanti per arrivare a scegliere la postazione da cui si vede e si sente meglio … Ed è l’appuntamento che apre il 2018 del Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto. Attesissimo, “Sogno e son Desto”, lo show-evento del grande Massimo Ranieri, sarà in scena il 12 gennaio 2018 alle ore 21.
Inno alla vita, all’amore e alla speranza, così è stato definito, lo show di Massimo Ranieri, Continua a leggere

WALKING DAY, FERVONO I PREPARATIVI

Fervono i preparativi per il Walking Day in programma il prossimo 10 dicembre per le vie di Barcellona Pozzo di Gotto. Tra qualche giorno sarà ufficializzato il percorso e resi noti ulteriori dettagli della manifestazione. Una piacevolissima camminata per le vie cittadine con il preciso obiettivo di promuovere l’attività fisica e sensibilizzare verso un più sano e corretto stile di vita. In mezzo, allegria, divertimento e la distribuzione di gadget. A proposito dei gadget, è già possibile prenotarli attraverso la pagina Facebook Assessorato allo Sport Barcellona P.G.. Basta mettere il classico “mi piace” alla pagina e inviare un messaggio privato con la scritta “Gadget walking”.

 

“E’ una manifestazione pensata per educare a uno stile di vita più corretto – ha affermato l’Assessore allo Sport, Giusi Italiano – Ma non soltanto. Sarà un bel momento di aggregazione con la distribuzione dei gadget realizzati in occasione dell’evento. Renderemo noti nei prossimi giorni ulteriori dettagli che impreziosiranno l’evento. I benefici connessi a una piacevole camminata, a un’attività fisica moderata, si mescolano con la riscoperta della nostra città, le cui vie percorreremo tutti insieme. Non a caso abbiamo scelto uno slogan che, in questo senso, è molto significativo: camminare è riscoprirsi. Riscoprire la nostra città e riscoprire anche noi stessi e il bisogno di tenerci in forma”.

Segreteria Politica

Assessore Giusi Italiano

Evasioni Ex-OPG Villarosa M5S la struttura è da potenziare

La trasformazione dell’ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto in casa di reclusione ha avuto inizio anche a seguito dell’approvazione dell’ordine del giorno 9/02496-A/001 presentato dal deputato barcellonese. Dal mese di novembre 2016, la struttura carceraria di Barcellona Pozzo di Gotto è diventata una struttura molto complessa, una casa circondariale, suddivisa in tre sezioni separate (reclusione, circondariale, trattamentale speciale per minorati psichici sopravvenuti ed ex internati non ancora definitivamente trasferiti altrove).

Nella precedente interrogazione 4-16336 si segnalava che l’ampliamento della struttura non ha riguardato gli agenti di polizia penitenziaria attualmente risultano parecchio sottodimensionati, come unità, rispetto alle reali ed attuali necessità, la superficie da controllare è vastissima e, ad oggi, gli agenti di polizia penitenziaria realmente operanti sono davvero pochissimi e sono ovviamente suddividersi nei tre turni previsti al netto di eventuali assenze dovute ad un massiccio utilizzo dei permessi della legge 104,  malattie, ferie e permessi vari.

Già a luglio del 2017 tre detenuti sono evasi dalla struttura carceraria senza incontrare particolari difficoltà, e, a fine ottobre, a distanza di pochi mesi dal precedente evento, altri due detenuti sono fuggiti dal suddetto carcere, scavalcando il muro di cinta.

Tutti i detenuti sono stati nuovamente catturati ma potrebbe essere utile, per tutti, utilizzare le preziose e limitate risorse economiche per prevenire tali eventi anziché dopo per contenere il danno già avvenuto. Queste situazioni, hanno una buona probabilità di ripetersi se, in tempi brevi, non si prenderanno adeguati e semplicissimi provvedimenti, primo tra tutti l’adeguamento della pianta organica di agenti di polizia penitenziaria realmente operanti nel settore della sicurezza.

Al Ministro abbiamo anche chiesto se ha intenzione di effettuare delle ispezioni/visite nella struttura carceraria barcellonese in modo da constatare in prima persona le condizioni della struttura e valutare di implementare, in tempi brevi, le semplici misure suggerite da noi per migliorare sensibilmente le condizioni di sicurezza dei detenuti, del personale e dei cittadini residenti.

 

Roma 28 Novembre 2017        Alessio Villarosa

Teatro Mandanici, arriva il Balletto di San Pietroburgo

TEATRO MANDANICI, IL 9 DICEMBRE

CON IL BALLETTO DI SAN PIETROBURGO

SARÀ DI SCENA “LO SCHIACCIANOCI”

LA “FIABA DI NATALE” PIÙ ESEGUITA AL MONDO

Barcellona Pozzo di Gotto (ME) – Scenografie incantate e ballerini di fama internazionale per “Lo Schiaccianoci”, in scena il 9 dicembre 2017 alle ore 21 al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto. Tratto dal racconto di E. T. A. Hoffmann, “Lo Schiaccianoci” ha fatto innamorare generazioni di spettatori ed è lo spettacolo più rappresentato nel mondo durante le festività natalizie.

Con musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij su libretto di Marius Petipa e con costumi e scenografie create  appositamente per il tour italiano sulla base dei canoni artistici del  Grande Teatro Imperiale Russo, a metterlo in scena sarà il corpo di ballo del Saint Petersburg Classical Ballet Tradition, in tournèe nei maggiori teatri del Paese, con i solisti Ernest Latypov e Natalia Lazebnikova, entrambi anche solisti del Teatro Marinsky.

Il Balletto di San Pietroburgo, anticamente chiamato “Balletto sul Neva”  è una storica compagnia privata nata a San Pietroburgo nel 1887 per volontà di Nobili Borghesi Russi con lo scopo di sviluppare la grande tradizione del balletto classico, ma anche di ricercare nuove  forme coreografiche . Il corpo di ballo è formato da ballerini provenienti dalle migliore accademie di danza di Mosca, San Pietroburgo, Ufa, Perm, nonché vincitori di concorsi internazionali di balletto. Il repertorio della compagnia include titoli classici come “Lo Schiaccianoci”, “Il Lago dei Cigni”, “La Bella Addormentata”, “Giselle”, “ Don Chisciotte”, “Cenerentola” ,”Romeo e Giulietta”, “ Carmen”, “ Il Corsaro”, “ Bayadere”. Già da tempo il Balletto è ospite  in tutto il mondo, dalla Germania alla Francia e Spagna, dal Sud Africa all’Argentina e Brasile, dagli Stati Uniti, alla Cina, riscuotendo sempre grande apprezzamento sia dal pubblico che dalla critica. L’attuale direttore artistico della Compagnia è Timur Gareev, ex solista del Teatro dell’Opera e Balletto di Novosibirsk, a lungo solista per diverse compagnie di Mosca e partner di famose ballerine russe come Nadezhda Pavlova, Marina Bogdanova, Ludmila Semenova.

“Lo Schiaccianoci”, ambientato agli inizi dell’Ottocento, si svolge alla vigilia di Natale quando Drosselmeyer, eccentrico inventore di giocattoli molto amato dai bambini, viene invitato a casa del Sindaco. I giochi e le danze iniziano e Drosselmeyer organizza uno spettacolo di marionette e burattini nel quale il Re dei topi vuole rapire la Principessa, ma il coraggioso Schiaccianoci lo uccide e salva la Principessa, diventando così il giocattolo preferito della piccola Clara. In sogno, la bambina immagina l’invasione della sala da pranzo da parte dei topi guidati dal loro Re e lo Schiaccianoci che guida i soldatini all’attacco dominando la paura. Clara lo segue e lo salva, gettando la sua pantofola contro il Re dei topi che, sconfitto, scompare con le sue truppe. Drosselmeyer trasforma quindi lo Schiaccianoci e Clara in un Principe e in una Principessa e  l’atto si conclude con il famoso Valzer dei Fiocchi di Neve. Nella seconda parte del balletto il sogno prosegue nella Città dei Dolci e con i festeggiamenti e le danze che si susseguono con ritmo incalzante, Spagnola, Orientale, Cinese, Russa (trepak) e Pas de Trois, fino al raffinato Valzer dei Fiori, dopo il quale Clara si risveglierà nella sua poltrona con il suo schiaccianoci in grembo, felice di aver vissuto questo magico sogno di Natale.

Teatro Mandanici, il “regalo” di Tullio Solenghi

Barcellona Pozzo di Gotto – L’aveva raccontato dietro le quinte de “Le parole volano”: durante uno spettacolo del Trio a Roma c’era stato un vero allarme bomba; solo che il pubblico non ci aveva creduto; aveva pensato che facesse parte dello show e non aveva lasciato la platea. Capita quando gli spettatori si stanno molto divertendo.

Ed è capitato anche ieri, al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto. Tanto che Tullio Solenghi, protagonista del “Decameron”, è rimasto a lungo “bloccato” dagli applausi sul palco e ha chiuso il sipario al grido di “c’è una bomba in teatro”, uno scherzo complice tra lui e la sala, l’ennesimo momento di amicizia che l’attore ha regalato alla comunità del Longano. Regalo, sì, perché come Solenghi ha detto scherzosamente nel pomeriggio, durante la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione allo stage, per il teatro Mandanici, per il sindaco Roberto Materiae per il direttore artistico Sergio Maifredi l’artista ha compiuto un atto che per un genovese è “contro natura”: in questo “Decameron” si è esibito gratis.

 

Uno dei tanti “sì” che Solenghi ha offerto a Barcellona Pozzo di Gotto, non meno importante di quello che l’ha condotto anche in visita alla casa circondariale diretta da Nunziante Rosania. Un incontro, pure questo, che l’attore ha gestito con delicatezza e sensibilità, strappando sorrisi e confidenza in un contesto decisamente inusuale. La giornata di Solenghi, fuori e dentro il teatro, on stage e backstage, è stata insomma di quelle da ricordare.

 

Non per caso. L’attore ha voluto ripercorrere il proprio legame con la Sicilia e ha raccontato di essere stato “scoperto” e portato in tv da Pippo Baudo, ma anche di aver avuto l’occasione, da attore alle prime armi, di stare al fianco del grande Turi Ferro.

 

Momenti che hanno segnato la sua vita professionale. Anche per questo, nel congedarsi dai cinque giovani stagisti, Martina Genovese, Veronica Giambò, Dario Lombardo, Graziano Molino e Fabio Pirrotta, Solenghi ha augurato loro che nei prossimi anni possano ricordare l’esperienza al Teatro Mandanici come un passaggio importante nel percorso di realizzazione dei loro sogni artistici. 

Cristina Catalfamo campionessa europea Master in carica, bronzo ai mondiali Master di Brazilian Jiu Jitsu

La farmacista Cristina Catalfamo,45 anni, atleta di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), campionessa europea Master in carica, ha ottenuto il bronzo ai mondiali Master di Brazilian Jiu Jitsu tenutesi il 29 agosto c.a., a Las Vegas. Cristina Catalfamo, ha combattuto nella categoria cintura viola, peso Piuma, Master 4. Ha perso in semifinale ai punti, l’incontro contro Ana Nieves atleta della Bonsai JJ Team di Chicago dopo 5 minuti di combattimento. La Siciliana Cristina Catalfamo, al suo rientro in Italia, è stata premiata dal suo maestro della Pro Fighting Roma, Gianfranco Delli Paoli che le ha consegnato la cintura marrone, diventando punto di riferimento femminile in Sicilia, di questa disciplina. Attualmente gestisce la Rolling JJ Sicilia, e insegna Brazilian Jiu Jitsu nella sua città.

Comunicato arrivo Sacre reliquie di San Rocco a Calderà 13 Agosto 2017 ore 18,30

Comunicato di fratel Costantino De Bellis custode delle Sacre Reliquie di San Rocco

“Carissimi devoti, pellegrini ed amici di San Rocco comunità tutte sul quotidiano di oggi è uscita la notizia dell’arrivo oggi delle reliquie di San Rocco …… questo comunicato è diramato per confermarsi che le reliquie di San Rocco arriveranno come da programma il 13 agosto a alle ore 18:30 CALDERA e ripartiranno il 19 agosto alle ore 9:00.”

fratel Costantino De Bellis